Incontro a Miami per gli innovatori sociali di Ashoka U

L'UPO è stata rappresentata da Paolo Rossi del Dipartimento di Studi per l'economica e l'impresa

Tra il 2 e il 4 marzo 2017 si è svolto a Miami l’annuale evento Exchange di Ashoka U (sito) — uno dei più importanti network mondiali di innovatori sociali —, al quale ha partecipato, rappresentando l’Università del Piemonte Orientale, il dottor Paolo Rossi.

Ashoka ha riunito a Miami changemaker e imprenditori sociali dalle università di tutto il mondo per promuovere la diffusione di progetti, idee, attività e azioni mirati al cambiamento sociale. L’obiettivo di Ashoka U, infatti, è quello di portare le tematiche della Social Innovation all’interno delle università, senza puntare all’aspetto economico del tema bensì sulle idee, sulle motivazioni e sulla volontà di creare veri e propri changemaker campus, avviando così un percorso di cambiamento nella Social Entrepreneurship.

Ashoka opera da 30 anni in più di 70 Paesi in tutto il mondo, coinvolgendo oltre 3000 innovatori sociali, gli Ashoka Fellows: sono individui che hanno una visione, creatività e determinazione e sono motivati ​​dal guadagno collettivo piuttosto che da quello personale. Tutti i programmi di Ashoka sono creati per investire nelle persone e nei percorsi di imprenditoria condivisa, con lo scopo di spingere tutti ad essere agenti del cambiamento: “Everyone a changemaker” è il loro motto.

L’evento Exchange di quest’anno, svoltosi presso il Miami Dade College (Miami, Florida), si è concentrato su tre pilastri fondamentali di leadership volta alla trasformazione dell'istruzione superiore in uno strumento di impatto sociale:

  • Sviluppare le caratteristiche individuali per accompagnare il cambiamento trasformativo
  • Imparare e implementare le innovazioni sociali
  • Incoraggiare l'innovazione sociale nel campo dell'istruzione superiore

Durante l’evento, si è parlato e discusso dell’importanza del coinvolgimento degli studenti attraverso l’empatia, la capacità di porsi domande non convenzionali e trovare soluzioni che costruiscano una comunità: occorre lavorare con le persone, e non solo per le persone. Si è poi svolta una sessione comparativa tra università americane, europee, africane e asiatiche: si è sottolineato come, per tutte, il centro e fulcro del successo siano gli studenti e la comunità, per creare innovatori e leader del cambiamento. Ulteriore fattore chiave sono le skills che ogni innovatore deve possedere: capacità di gestire il tempo, elasticità mentale, imprenditorialità, empatia e condivisione. La sfida è quella di pensare fuori dagli schemi, rompere modelli e gerarchie, generando così soluzioni non convenzionali e valorizzando talenti.

Durante lo scambio, Ashoka ha anche ospitato il 3° Forum annuale “Changemaker Education”, una riunione appositamente creata per discutere del cambiamento sociale quale punto focale nei sistemi di istruzione moderni.

Data di pubblicazione: 
20/03/2017