1938. A 80 anni dalle leggi razziali il docu-film che dà voce a vittime e persecutori

Proiezione aperta il 3 dicembre in Università. Sarà presente il regista Pietro Suber
Quando:: 
03/12/2018 -
da 11:00 a 13:00

Lunedì 3 dicembre, dalle 11.00 alle 13.00 presso l'aula 205 del Campus Universitario "Perrone" in Via Perrone 18 a Novara, verrà proiettato il docu-film 1938. Quando scoprimmo di non essere più italiani di Pietro Suber. L'incontro è promosso dal Dipartimento di Studi per l'economia e l'impresa dell'Università del Piemonte Orientale in collaborazione con la Fondazione De Benedetti Cherasco 1547 Onlus e con l'Archivio Ebraico B&A Terracini.

Il film documentario ricostruisce le vicende che portarono dalle leggi antiebraiche alla deportazione degli ebrei italiani (1943-1945) attraverso cinque storie raccontate in gran parte dai diretti protagonisti. Il racconto, che si snoda oltre alle testimonianze attraverso preziose immagini d’archivio e una mole di documenti d’epoca pubblici e privati, si conclude con il tema della memoria delle leggi razziali, di cosa è rimasto oggi di uno dei periodi più oscuri della recente storia italiana, con un viaggio tra i movimenti giovanili di estrema destra e la vicenda delle strade ancora intestate, a 80 anni di distanza, ai firmatari (o presunti tali) del Manifesto della Razza, da cui scaturirono le leggi razziste. Un’opera sul tema, con questo taglio, non è mai stata realizzata nel nostro paese.

L'incontro comincerà con i saluti del Direttore del DISEI, prof.ssa Eliana Baici, e della prof.ssa Bianca Gardella Tedeschi. L'introduzione della pellicola sarà curata dal professor Giorgio Barba Navaretti (Università di Milano) che dialogherà con il regista Pietro Suber. Al professor Massimo Cavino (Università del Piemonte Orientale) sarà affidata la sintesi degli interventi.

Novara
Via Perrone, 18