Fa tappa a Novara la campagna "Cancro. Prevenzione non-stop dopo i 65 anni"

Interviene come relatore Alessandra Gennari

Farà tappa a Novara venerdì 28 giugno la Campagna Nazionale "Cancro. Prevenzione non-stop dopo i 65 anni", un'iniziativa lanciata da AOIM (Associazione Italiana Oncologia Medica), Fondazione AOIM e Senior Italia FederAnziani e partita nel settembre 2018.

Il progetto prevede la realizzazione di opuscoli e di video, l’organizzazione di veri e propri corsi di cucina, corsi di ballo per favorire il movimento, di incontri frontali nei centri anziani con gli oncologi per sottolineare i progressi nelle terapie che consentono ad un paziente non solo di superare la malattia, ma anche di avere una buona qualità di vita.

La tappa novarese, che si svolgerà presso la Sala della Cupola della Basilica di San Gaudenzio, avrà come relatore ospite la professoressa Alessandra Gennari, docente di Oncologia medica presso la Scuola di Medicina dell'UPO e direttrice del reparto di Oncologia dell'AOU "Maggiore della Carità" di Novara.

In Italia un cittadino su cinque ha più di 65 anni. Il 64% dei tumori colpisce le persone con più di 65 anni di età. Il rischio di sviluppare un tumore in questa età è 40 volte più alto rispetto a chi ha una età fra i 20 e i 44 anni. Eppure gli anziani non seguono sempre stili di vita corretti. Una percentuale importante, oltre il 10%, fuma regolarmente, l’89% non consuma almeno cinque porzioni al giorno di frutta e verdura, oltre il 25% ha una vita troppo sedentaria e non svolge alcuna attività sportiva, il 19% consuma alcol in modo eccessivo. Tutti fattori di rischio che – come documentato dalla letteratura scientifica - sono responsabili dell’insorgenza di almeno il 40% dei tumori. Non solo, gli anziani seguono poco la prevenzione secondaria, cioè il ricorso agli screening oncologici fondamentali per la diagnosi precoce.

Da questa consapevolezza nasce il primo progetto nazionale per la prevenzione oncologica primaria, secondaria, e la diagnosi precoce dei tumori negli over 65 anni. Un progetto importante, mai realizzato finora nel nostro Paese, che permetterà di incontrare oltre 50.000 anziani e le loro famiglie, per affrontare il tema tumore nella fascia di età in cui con maggior frequenza può insorgere.

«Andremo a sviluppare - dichiarano i portavoce del progetto - un progetto di informazione\formazione\educazione sui principi base dei corretti stili di vita, sulla necessità di aderire agli screening, sull’importanza della diagnosi precoce, sul valore dell’innovazione terapeutica e della ricerca, che hanno permesso oggi di poter cancellare per molte neoplasie il termine incurabile, e per la riabilitazione, cioè il ritorno alla vita dopo un tumore, una opportunità che oggi riesce ad essere garantita a centinaia di migliaia di persone in tutta la penisola».

Quando: 
28/06/2019 - 17:30
Novara
Via San Gaudenzio 22