Una maratona accademica online per salvare Ahmadreza Djalali

Scienziati da tutto il mondo in diretta streaming sui canali UPO per il medico iraniano-svedese condannato a morte

Ahmadreza Djalali, il medico iraniano-svedese condannato a morte dalle istituzioni del suo paese per spionaggio, sta attendendo che la sentenza venga eseguita; potrebbe accadere da un giorno all’altro. Djalali è stato un ricercatore presso il Centro di Medicina dei Disastri (Crimedim) dell’Università del Piemonte Orientale, la Vrije Universiteit di Bruxelles e il Karolinska Institutet di Stoccolma. Non è mai stata fornita alcuna prova dell’attività criminosa di cui è accusato.

L’UPO da tempo si batte da tempo affinché la giustizia venga ristabilita e ha coinvolto le istituzioni nazionali e internazionali per ottenere la liberazione di Ahmad. In questo momento, in cui il filo di speranza pare recidersi, organizza, attraverso il Crimedim, una Maratona di scienziati, professori e ricercatori che porteranno un loro messaggio in diretta streaming sul canale YouTube dell’UPO (https://www.youtube.com/watch?v=PrQLMdD51JI) a partire dalle ore 15 di mercoledì 9 dicembre fino al termine degli interventi.

Nel momento in cui scriviamo si sono già prenotati oltre 160 relatori; tra loro ci sono i rettori dove Ahmadreza ha svolto attività di ricerca, Gian Carlo Avanzi (UPO) e Ole Petter Ottersen (Karolinska Institutet, Stoccolma), oltre a un delegato della Vrije Universiteit Brussel. Spicca tra tutti l’intervento di Sir Richard Roberts, premio Nobel per la Medicina 1993, che per Ahmad ha raccolto più di 150 firme di altrettanti Nobel per chiederne la liberazione.

Tutti gli altri provengono da ogni parte del mondo: Italia, Argentina, Australia, Belgio, Brasile, Canada, Colombia, Etiopia, Francia, Grecia, India, Irlanda, Israele, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Sri Lanka, Sudafrica, Svezia, Svizzera e USA. C’è da credere che la Maratona possa durare fino al giorno successivo: una no-stop di 24 ore, forse anche di più.

Seguire l’evento anche per poco è l’atto concreto che ognuno può attuare per dimostrare la propria solidarietà per Ahmad e sottolineare che la scienza e la ricerca devono rimanere libere da ogni condizionamento politico.

Per seguire la vicenda di Ahmadreza Djalali:

https://www.amnesty.org/en/latest/news/2020/11/iran-imminent-execution-o...

 

Contatto diretto UPO Crimedim:

Dr Luca Ragazzoni, crimedim@uniupo.it, luca.ragazzoni@uniupo.it, cell. +39 349 8761209

 

Programma completo della maratona

Quando: 
09/12/2020 - 15:00