Al CAAD un meeting internazionale dedicato al progetto europeo “Pelargodont”

Il gruppo di ricerca UPO è coordinato da Lia Rimondini

I ricercatori provenienti dalle Università di Riga, Kaunas, Cracovia, Wholverhampton, dalla Polish Academy of Sciences e da aziende del settore Farmaceutico (Ferentis) partecipanti al progetto Europeo M-Eranet “Pelargodont” si sono riuniti lo scorso 16 aprile al CAAD, per fare il punto sullo sviluppo di local drug delivery systems per rilascio di flavonoidi ottenuti dal "Pelargonium sidoides".

I dispositivi sviluppati nell’ambito del progetto sono finalizzati al controllo del microbiota orale e il trattamento della malattia parodontale e della peri-implantite e più in generale per la prevenzione e il trattamento delle infezioni associate ai dispositivi medici impiantabili e allo stesso tempo hanno mostrato di possedere effetti pro-rigenerativi.

Il gruppo di ricerca UPO coordinato dalla professoressa Lia Rimondini, ordinario di Scienze tecniche mediche applicate, ha contribuito allo studio microbiologico e alla definizione di alcuni elementi progettuali di potenziale brevettazione.

Gli ospiti hanno colto l’occasione per visitare il Campus Perrone e il Dipartimento di Scienze del Farmaco dove hanno discusso con i professori Marco Arlorio e Armando Genazzani le possibilità di incrementare le collaborazioni già attivate con l'Università del Piemonte Orientale, tramite il programma Erasmus+.

Data di pubblicazione: 
06/05/2019
Reportage: