La cultura non si scambia, si condivide

In Regione il seminario conclusivo del Master UPO in Management del Software Libero

Si è conclusa il 14 settembre la seconda edizione del Master di I livello in Management del Software Libero, attivo presso l'Università del Piemonte Orientale. La cornice della cerimonia conclusiva è stata la sede della Regione Piemonte a Torino, dove per l’occasione si è tenuto un seminario coordinato dal professor Roberto Candiotto, direttore del Master, sul tema “Software libero e cultura libera”. Alla cerimonia, sono intervenuti l’assessora alle Attività produttive di Regione Piemonte Monica Cerutti, il responsabile Servizi digitali di Regione Piemonte Giorgio Consol e il direttore generale dell'UPO Andrea Turolla

Durante il seminario il professor Candiotto ha sottolineato il valore della condivisione della cultura e delle idee e quanto il software libero sia già una realtà di successo in molte PA e in organizzazioni d’eccellenza; ha, inoltre, presentato i brillanti esiti del Master - raggiunti grazie alla stretta collaborazione con i docenti del Politecnico di Torino, Antonio Servetti e Leonardo Favario - e dei project work, ideati e sviluppati dai partecipanti al master nelle loro realtà operative. Nelle presentazioni dei project work sono emerse le competenze e le capacità acquisite durante il percorso formativo e i risultati ottenuti - in termini di efficienza, miglioramenti organizzativi e operativi - implementando software libero.

Il project work è stato il fulcro attorno al quale si è sviluppato l’intero Master e i risultati ottenuti hanno confermato come il percorso formativo sia  integrato con le attività operative e coerente con le esigenze delle organizzazioni coinvolte. Il clima collaborativo e proattivo del Master ha contagiato le unità operative delle amministrazioni coinvolte e ha favorito il successo di migrazioni a software libero. I tutor disciplinari e, in particolare, il tutor del master, la dottoressa Silvia Gandini (docente di Business Information Management presso il Dipartimento di Studi per l'economia e l'impresa dell'UPO), hanno contribuito, con la loro professionalità, in modo determinante al conseguimento degli obiettivi.

Con l’entusiasmo delle squadre vincenti e la convinzione che condividere best practices sia essenziale per la diffusione del software libero, i discenti hanno dato vita alla community Management del Software Libero (vai al sito).

I temi del seminario hanno stimolato la tavola rotonda cui hanno preso parte docenti del Master – fra i quali il professor Raffaele Meo e le dottoresse Rita Andruetto e Barbara Veronese – in un dibattito aperto sul tema della free culture. Oltre alle nozioni economiche, organizzative, tecnologiche e giuridiche sul tema, ne è scaturita la necessità di una forte attenzione alle finalità sociali ed etiche della cultura del software libero: vero obiettivo delle piattaforme digitali basate sul free software.

 

 

(Per la stesura di questo resoconto ringraziamo la studentessa del Dipartimento di Studi per l'economia e l'impresa Andrea Annalisa Baiardi)

Data di pubblicazione: 
25/09/2018
Reportage: