A New York in un tempio mondiale della biologia strutturale

Cinque studenti del DSF hanno visitato il New York Structural Biology Center grazie al progetto Free Mover di Ateneo

Giulia DematteisCamilla GardaAndrea GattaDaniele Mazzoletti e Marta Nugnes, cinque studenti del Dipartimento di Scienze del Farmaco di Novara, sono volati a New York dal 14 al 18 maggio scorsi per visitare il New York Structural Biology Center, una struttura finanziata dal Governo Americano, a cui partecipano tutte le Università attive nella città.

Il centro rappresenta un'eccellenza americana ed è un riferimento mondiale nelle ricerche di biologia strutturale, sia attraverso cristallografia a raggi-X, sia mediante spettroscopia di risonanza magnetica nucleare e microscopia elettronica; tutte tecniche che, applicate allo studio delle molecole della vita, hanno portato all’assegnazione di numerosi premi Nobel per la chimica e per la medicina e fisiologia e rappresentano oggi uno degli approcci più utilizzati sia nella ricerca di base sia per la scoperta di farmaci. In questo il New York Structural Biology Center è all’avanguardia, in particolare nel campo dello studio delle proteine di membrana e di complessi molecolari ad elevato peso molecolare.

Il progetto proposto e organizzato dal professor Menico Rizzi - ordinario di Biochimica del DSF - in collaborazione con i colleghi professori Filippo Mancia e Wayne A Hendrickson del New York Structural Biology Center, ha previsto per i cinque studenti selezionati sulla base del loro eccellente curriculum, e accompagnati dal prof. Luigi Panza, non solo la visita alla struttura di ricerca, ma anche la partecipazione a seminari scientifici e a laboratory meeting durante tutta la settimana di permanenza a New York.

Seguiti dal dottor Brian Kloss hanno inoltre condotto una vera e propria esperienza di laboratorio, che in due giornate piene di lavoro li ha portati a preparare dei campioni di proteine di membrana da sottoporre a indagini strutturali attraverso microscopia elettronica. L’esperienza, che era stata preparata con una attività pratica nel laboratorio di Biochimica del Dipartimento di Scienze del Farmaco e attraverso la presentazione di articoli scientifici da parte degli studenti, si è poi conclusa al rientro a Novara con un seminario scientifico da parte di ognuno dei partecipanti.

In foto, da sinistra a destra: il prof. Filippo Mancia, Giulia Dematteis, Marta Nugnes, il prof. Wayne A. Hendrickson, Andrea Gatta, Camilla Garda, Daniele Mazzoletti,  il prof. Luigi Panza, il dott. Brian Kloss.

Data di pubblicazione: 
15/06/2018
Reportage: