Tutelare i consumatori dai difetti delle nuove tecnologie: Eleonora Rajneri nel gruppo di 25 esperti della Commissione Europea

Professoressa di Diritto privato al DiSEI, farà parte del gruppo che lavorerà alla direttiva che regola le responsabilità da prodotto difettoso.

La Commissione Europea (Direzione Generale del Mercato interno, dell’industria, dell’imprenditoria e delle PMI) ha designato la professoressa Eleonora Rajneri tra i venticinque membri del gruppo di esperti incaricato di lavorare sulla direttiva che disciplina la responsabilità per il danno da prodotto difettoso, con particolare attenzione alle nuove tecnologie.

Eleonora Rajneri è professoressa associata di Diritto privato presso il Dipartimento di Studi per l'Economia e l'Impresa dell'Università del Piemonte Orientale. Tra i suoi principali temi di ricerca vi è proprio quello della nozione di difettosità del prodotto nella giurisprudenza dei paesi europei; su questo tema ha pubblicato articoli in riviste italiane e internazionali e ha tenuto conferenze. Tra i casi studiati vi è quello degli effetti collaterali causati dai vaccini. Nell’ambito del più ampio tema di ricerca sulla responsabilità sociale di impresa si è inoltre occupata del noto caso del dieselgate, comparando gli strumenti sanzionatori del sistema statunitense con quelli europei.

«Il gruppo di esperti nominati dalla commissione europea – spiega la professoressa Rajneri – ha il compito di indicare un punto di equilibrio tra l'esigenza di offrire una protezione adeguata ed efficace al consumatore e quella di incentivare l'innovazione tecnologica delle imprese europee. Sono particolarmente orgogliosa per questo incarico che rappresenta un importante riconoscimento del mio lavoro di ricerca e che mi consente di partecipare in qualche misura alla costruzione del nostro vivere in comune».

Data di pubblicazione: 
06/06/2018
Reportage: