Dalla Nigeria agli Stati Uniti, passando per l'UPO

Ifeolowua Dada, fresca laureata in Medical Biotechnologies, è stata ammessa all'Università del Montana per svolgere il suo PhD

Ifeolowua Dada è una studentessa nigeriana laureatasi a luglio 2021 in Medical Biotechnologies. Nelle scorse settimane ha ricevuto l'ammissione ufficiale al corso di Dottorato in Chimica e Biochimica, presso l'Università del Montana (USA).

Di seguito pubblichiamo l'intervista che ci ha rilasciato.

1. Tell us briefly about your experience in the Master’s degree in Medical Biotechnologies. How did it start? Was it difficult to settle in? How was the impact with Italy / Novara / UPO?
It was interesting yet challenging. It was one full of opportunities and possibilities and all I had in mind to do was to explore every opportunity that came my way. As a result, I deliberately made friends, learnt about the way things work here, interacted and built my network. I did not find settling in that difficult because, UPO, as an institution, gave all the necessary support, even before leaving my country. They provided all the needed information regarding arrival and integration. On getting here, I found the classes interesting and the arrangement welcoming, albeit daunting. Personally, I feel some Professors could be more international in their approach. Overall, my experience at UPO, and Italy in general, has been very warm and welcoming and it has helped me to push my preconceived limits in every way. It has provided me with an enabling environment for top-notch productivity and excellence, the most impactful of all, being my internship period, where I gained a whole lot of skills and built a sense of purpose for the future.

2. When did you complete your Master’s degree? What happened next?
I completed my Masters degree in July 2020. My initial plan was to get an internship or a job as a researcher in a pharmaceutical company, to progress with what I did for my thesis, which was on the production of monoclonal antibodies. In the course of my search, I discovered that candidates with PhDs were preferred, therefore, I made up my mind to be one of the preferred. So, I decided to proceed into PhD.
I started applying for PhD positions from March 2020, focusing on universities in Italy, Germany and Canada. After applying to more than 20 institutes in Italy, it was becoming uninteresting. I was a candidate short of being admitted into two programs, some others were as close, while the rest were outrightly hopeless after progressing through the interview stages. The results from my applications in Germany were even worse. With bleak chances of hope in Europe, I decided it was time to begin to look elsewhere, so I gave Northern America a thought. I wrote to over 150 Professors in Canada and the responses came to be either that they were not accepting candidates at that moment, or that they had no funds or that they just decided not to respond at all, except for one at the University of British Columbia (UBC), who was interested in my work and was willing to accept a new student. After a series of interviews and proposal writings with him (the Professor at UBC), he cleared me to apply to the admission committee. This required taking the GRE and applying directly for the admission.
After taking the GRE, and with a slight ray of hope, I thought to also consider the United States, thinking to have more than one chance at hand. Luckily, the first Professor that I wrote happened to be the only that I wrote in the country. I was fascinated by what she did, how well she was interested in what I had to offer and how she showed a genuine interest in me. So, I went for the latter.
I would like to mention how helpful the Professors who stood as my references were, not to be tired of writing the required references even when informed in short notices. Their words went a long way in helping me seal a graduate position.

3. How did you get in touch with the University of Montana? What will you study there?
I got in touch with the university through the writing of Professors. I learnt it is firstly about getting a prospective supervisor, who is willing to take you in, rather than just blindly applying. I searched for researchers working on my line of interest and my new supervisor’s name showed up, so I wrote to her. She responded, we had a bit of light conversations back and forth and then she advised that I applied to the university. After the application, I had my interview with her and the head of the department and a few days later, I got the admission into the Department of Chemistry and Biochemistry.
I would be working on protein interactions and conformational changes in fibronectin fibril formation.

4. What do you expect for the future? What are your plans?
My goal, in this journey of scientific research and learning, is to become a leading researcher in Protein Biochemistry; providing through research, solutions to difficult health-related issues, optimizing already existing methodologies and applying the knowledge from my educational training and ingenuity to develop, in time, innovative therapies that would be readily available and cost-effective to the public.
My plan after the PhD is to continue in Research and Development.

5. Tell us your best memory about your experience in Novara/UPO.
I do not have a particular one in mind. I cherish each moment spent with friends, reading in preparation for exams or having coffee, going for walks or aperitivo. I cherish every moment spent in the Applied Biology laboratory, working with my super supervisor, Professor Diego Cotella, and colleagues performing experiments. I cherish the first semester in the first year when I had to make friends with people from different races- being the only black in the class of about 70 students- and how we had to adjust to the new environments we found ourselves in. I cherish the moments I was given opportunities by different faculties to explore the opportunities that were made available to me.
Winning always feels good in the end, which has always been my motivation.

 

1. Parlaci brevemente della tua esperienza nel corso di laurea magistrale in Medical Biotechnologies Mediche. Come è iniziato? È stato difficile ambientarsi? Com'è stato l'impatto con l'Italia / Novara / UPO?
È stata un'esperienza interessante e piena di possibilità, ma allo stesso tempo impegnativa. Tutto quello che volevo fare era esplorare ogni opportunità che si presentava sulla mia strada. Il risultato è stato che ho stretto molte amicizie, imparato come funzionano le cose qui, interagito molto e costruito il mio network. Non ho avuto difficoltà ad ambientarmi perché l’UPO mi ha dato tutto il supporto necessario, anche prima di lasciare il mio paese. Mi sono state fornite tutte le informazioni necessarie e all’arrivo ho trovato le lezioni interessanti e la sistemazione accogliente, anche se scoraggiante. Personalmente, ritengo che alcuni professori potrebbero avere un approccio più internazionale. Nel complesso, la mia esperienza all’UPO, e in Italia in generale, è stata molto calda e accogliente. L'Ateneo mi ha aiutata in ogni modo a superare i miei limiti e i miei preconcetti. L’ambiente mi ha permesso di raggiungere il massimo della produttività e dell'eccellenza, e il periodo più importante di tutti è stato lo stage, durante il quale ho acquisito molte competenze e ho iniziato a tracciare il mio futuro.

2. Quando hai completato il tuo corso di laurea? Cosa è successo dopo?

Mi sono laureata nel luglio 2020. Inizialmente la mia idea era di ottenere uno stage o un lavoro come ricercatrice in un’azienda farmaceutica, così da proseguire il lavoro che avevo fatto per la mia tesi, incentrata sulla produzione di anticorpi monoclonali. Ho subito scoperto, però, che i candidati al dottorato erano preferiti, quindi ho deciso di essere una loro.
Ho iniziato a fare domande per posizioni di dottorato da marzo 2020, concentrandomi su università in Italia, Germania e Canada. Dopo aver fatto domanda a più di 20 istituti in Italia, la situazione stava diventando poco interessante. Sono quasi stata ammessa in due programmi, altri erano altrettanto vicini, mentre per altri non c’era alcuna, già dopo i colloqui preliminari. I risultati delle mie domande in Germania erano ancora peggiori.
Con poche speranze in Europa, ho deciso che era il momento di guardare altrove, e così ho fatto un pensiero al Nord America. Ho scritto a più di 150 professori in Canada, ma le risposte sono state o che non accettavano candidati in quel momento, o che non avevano fondi; senza contare tutti coloro che semplicemente non hanno risposto. L’unica eccezione è stata l’Università della British Columbia (UBC), che era interessata al mio lavoro ed era disposta ad accettare una nuova studentessa. Dopo una serie di colloqui e di proposte scritte con un professore della UBC, quest’ultimo mi ha autorizzato a fare domanda al comitato di ammissione. Ho dovuto pertanto conseguire il GRE (NdT: Il Graduate Record Examination è un test standardizzato di ammissione per molte scuole di specializzazione negli Stati Uniti, in Canada e pochi in altri paesi) e poi ho fatto domanda diretta per l’ammissione.
Dopo aver conseguito il GRE, e con una piccola speranza, ho preso in considerazione anche gli Stati Uniti, pensando di avere più di una possibilità. Per fortuna la prima professoressa a cui ho scritto si è rivelata l’unica. Sono rimasta subito affascinata da quanto fosse genuinamente interessata a ciò che avevo da offrire. Pertanto, ho optato per quest’ultima università (NdT: Università del Montana).  Vorrei sottolineare a questo proposito la disponibilità dei professori che hanno scritto le mie referenze: non si sono mai stancati di farlo anche quando venivano contattati con scarso preavviso. Le loro parole sono state determinanti per aiutarmi a ottenere il posto.

3. Come sei entrata in contatto con l'Università del Montana? Cosa studierai lì?

Sono entrata in contatto con l'Università del Montana scrivendo ai professori. Ho imparato che non serve fare domande alla cieca; tutto parte dal trovare un potenziale supervisore, che sia disposto ad accoglierti. Ho cercato i ricercatori che lavorano nel mio settore e il nome del mio nuovo supervisore è apparso, così le ho scritto. Lei ha risposto, abbiamo avuto alcune conversazioni e poi mi ha consigliato di fare la domanda ufficiale. Dopo la domanda, ho avuto un colloquio ufficiale con lei e con il direttore del dipartimento e pochi giorni dopo ho ottenuto l’ammissione al Dipartimento di Chimica e Biochimica. Lavorerò sulle interazioni proteiche e sui cambiamenti conformazionali nella formazione delle fibrille di fibronectina.

4. Cosa ti aspetti per il futuro? Quali sono i suoi progetti?

Il mio obiettivo, in questo viaggio di ricerca scientifica e di apprendimento, è quello di diventare una ricercatrice leader nella biochimica delle proteine, così da fornire, attraverso la mia ricerca, nuove soluzioni a problemi complessi in ambito medico. Vorrei poter applicare la mia formazione e il mio ingegno alle metodologie già esistenti e nello sviluppo di terapie innovative, accessibili per la popolazione. Il mio programma dopo il dottorato è di continuare nel settore della ricerca e sviluppo.

5. Raccontaci il tuo miglior ricordo della tua esperienza a Novara/UPO.

Non ne ho uno in particolare in mente. Ho caro ogni momento passato con gli amici, leggendo in preparazione degli esami o prendendo un caffè, facendo passeggiate o prendendo aperitivi. Ricordo con affetto ogni momento trascorso nel laboratorio di Biologia Applicata, lavorando con il mio grande supervisore, il professor Diego Cotella, e con i colleghi. Ho dei bei ricordi anche del primo semestre del primo anno, quando ho dovuto fare amicizia con persone di diverse razze - essendo l'unica ragazza di colore in una classe di circa 70 studenti - e come tutti abbiamo dovuto adattarci al nuovo ambiente in cui ci siamo trovati. Porto nel cuore tutte le opportunità che mi sono state date.
Vincere alla fine è sempre una bella sensazione, ed è sempre stata la mia motivazione.

 

 

 

Data di pubblicazione: 
03/09/2021
Reportage: 

Condividi su: