L'eccellenza UPO oltre i confini nazionali

Tre laureati UPO in Medical Biotechnologies proseguiranno gli studi con corsi di dottorato presso importati istituzioni estere.

Tre laureati del corso di laurea magistrale in Medical Biotecnologies sono stati accettati per proseguire i loro studi accademici con dottorati all'estero. Dalila Di Francesco, Ilaria Scapino e Ian Ghezzi hanno ottenuto tre borse di studio per frequentare i corsi dell'Università Laval di Québec City (Dalila e Ilaria) e del Centro di ricerca sul cancro di Heidelberg (Ian).

Dalila Di Francesco si è laureata con una tesi su "Regenerative Potential of a Bovine ECM-Derived Hydrogel for Biomedical Applications" con la prof.ssa Francesca Boccafoschi, ottenendo il punteggio di 110/110 con lode e menzione; la borsa di studio  le permetterà di frequentare il Doctorat en génie des matériaux et de la métallurgie (indirizzo Biomateriaux) presso l'Università Laval di Québec City (Canada).

Stessa destinazione per Ilaria Scapino, che i Canada frequentaerà il Doctorat en médecine moléculaire; Ilaria si è laureata con il prof. Luigi Mario Castello con una tesi su "Axl and MerTK: potential new biomarkers in Traumatic Brain Injury" (votazione 101/110).

Ian Ghezzi si è laureato con il prof. Ciro Isidoro con una tesi dal titolo "NKX3-2: a novel negative regulator of autophagy favoring LPA-induced" (votazione 110/110 con lode e menzione); frequenterà il dottorato presso il centro di ricerca sul cancro DKFZ ( Deutsches KrebsForschungsZentrum) di Heidelber in Germania.

Tutti e tre gli alumni Upo sono stati selezionati tra circa un migliaio di domande che arrivano ogni anno per ciascuno dei corsi.

 

Data di pubblicazione: 
30/07/2021
Reportage: 

Condividi su: