Ludovica Maconi insignita del Premio Pavese 2022

Si è aggiudicata il Premio per la sezione saggistica insieme a Mirko Volpi

Ludovica Maconi, professoressa associata di Linguistica italiana presso il Dipartimento di Studi umanistici dell'Università del Piemonte Orientale, si è aggiudicata il Premio Pavese 2022 per la sezione saggistica.

Il Premio Pavese, il cui intento è riconoscere quelle personalità che, in linea con l’attitudine pavesiana, si sono distinte nel corso degli anni per dedizione, meticolosità, innovazione nei rispettivi ambiti di attività, viene assegnato ogni anno collegialmente da una giuria composta da Gian Arturo Ferrari (figura di rilievo dell'editoria italiana), Giulia Boringhieri (traduttrice, storica dell’editoria), Chiara Fenoglio (docente, saggista, giornalista), Claudio Marazzini (presidente dell'Accademia della Crusca), Carlo Ossola (filologo e critico letterario), Pierluigi Vaccaneo (direttore della Fondazione Cesare Pavese) e presieduta da Alberto Sinigaglia (presidente del Comitato scientifico della Fondazione Cesare Pavese).

I premiati della 39a edizione - Norman Gobetti (traduzione), Emilia Lodigiani (editoria), Gavino Ledda (poesia), Ludovica Maconi e Mirko Volpi (saggistica) e Michele Mari (narrativa) - riceveranno il premio e terranno il discorso di accettazione sabato 5 novembre a Santo Stefano Belbo (CN).

La cerimonia sarà ospitata dalla chiesa sconsacrata dei SS. Giacomo e Cristoforo, ora auditorium e spazio espositivo della Fondazione Cesare Pavese (Piazza Luigi Ciriotti, già Piazza Confraternita, 1).

La cerimonia del Premio Pavese 2022 sarà seguita da un altro importante evento che ha per la Fondazione Cesare Pavese grande valore simbolico, oltre che scientifico: verrà infatti inaugurato “Dialoghi”, il nuovo spazio museale della Fondazione Cesare Pavese che ospiterà una serie di inediti pavesiani donati dalle famiglie Molina e Vaudagna. Libri annotati, lettere, manoscritti, articoli di giornale appuntati e sottolineati, cartoline, bozze di racconti che - adeguatamente custoditi e valorizzati grazie a un innovativo allestimento multimediale - sono ora messi a disposizione del pubblico.

Data di pubblicazione: 
26/10/2022
Reportage: 

Condividi su: