Nuovo bando Edisu per borse di studio e servizi abitativi

Presentato ufficialmente il nuovo bando dalla Governance di Edisu Piemonte. Una pioggia di euro e tanti servizi essenziali per garantire il diritto allo studio in Piemonte e attrarre sempre maggiori studenti e studentesse dal resto d’Italia e dall’estero.

Mercoledì 14 luglio saranno aperte le procedure online per accedere al nuovo Bando Borse Studio e Servizi Abitativi che Edisu Piemonte offre a studenti e studentesse capaci e meritevoli privi di mezzi che intendono iscriversi - per la prima volta o in prosecuzione degli studi - in un corso di laurea attivato presso un ateneo o un istituto di alta formazione artistica e musicale in Piemonte.

Il bando è stato tuttavia presentato martedì 13 luglio ai giornalisti nel corso di una conferenza stampa, alla presenza del Presidente di Edisu Piemonte Alessandro Sciretti, della Direttrice Generale  Donatella D’Amico e dell'Assessore Regionale al Diritto allo Studio Elena Chiorino. Hanno partecipato all’evento i rappresentanti dei tre atenei piemontesi: il prof. Davide Porporato, delegato al Diritto allo Studio dell'Università del Piemonte Orientale; il prof. Cristopher Cepernich, delegato alla comunicazione dell'Università di Torino; il prof. Luca Settineri, delegato per la pianificazione del Politecnico di Torino.

Si tratta di un intervento pubblico che muove circa 50 milioni di euro all’anno, frutto di una sommatoria di interventi tra stato, regione e risorse dell’ente, che iniettano nuova linfa e offrono la possibilità a tanti ragazzi e ragazze di accedere, senza ostacoli, alla più alta formazione accademica, generando allo stesso tempo benefici, a ricaduta, su tutta l’economia del territorio.

Il bando sarà pubblicato sul sito dell'Ente www.edisu-piemonte.it e conterrà gli importi di cui godranno i e le idonei beneficiari al bando di concorso. Non cambiano i requisiti di reddito: i limiti ISEE/ISPE fissati con il Decreto Ministeriale 256 del 18.03.2021 sono i medesimi dell’a.a. 2020/2021 e per concorrere è necessario possedere un reddito familiare (ISEE) uguale o inferiore a 23.626 euro e un reddito patrimoniale (ISPE) pari o inferiore a 51.362 euro. Al momento della presentazione della domanda, si dovrà essere in possesso di un ISEE valido per il diritto allo studio universitario, rilasciato a partire da gennaio 2021.

Il Presidente di Edisu Piemonte Alessandro Sciretti: «Ci è sembrato doveroso dare il giusto risalto al nuovo bando perché si tratta di un intervento pubblico davvero consistente a beneficio delle fasce meno avvantaggiate della società; ma ancora di più è uno dei più cospicui sostegni a quella che possiamo definire forse una tra le industrie più fiorenti del nostro territorio: l’alta formazione universitaria e accademica. Un investimento che la Regione Piemonte fa credendo fortemente nello sviluppo del diritto allo studio quale volano per il sistema universitario piemontese e per la creazione di nuova conoscenza, competenze di altissimo profilo e capitale umano di grande valore da tenere il più stretto possibile in questo territorio».

L’Assessore Regionale al Diritto allo Studio Elena Chiorino: «Stiamo lavorando per creare le condizioni ideali così da poter garantire attrattività e permanenza degli studenti all'interno dei nostri prestigiosi atenei. Il lavoro sinergico con Edisu e il presidente Alessandro Sciretti si sta sviluppando in un percorso costruttivo e condiviso che non si traduce esclusivamente in una fotografia di criteri, ma in uno strumento di visione e di rilancio per creare competenza e  venire incontro alle esigenze del territorio».

Data di pubblicazione: 
13/07/2021
Reportage: